Renato Zero provoca ancora una volta e lancia il suo “Atto di fede”, doppio album e libro. E a settembre quattro live al Circo Massimo

Primo progetto editoriale a 360° per Renato Zero che venerdì 8 aprile 2022 lancerà il doppio album Atto di Fede e il libro omonimo.

Ecco come lo presenta il cantautore…


Ci siamo ammalati di silenzio. Anch’esso probabilmente contagioso. Anche lo sguardo ne risente. Quei gesti necessari e molto più efficaci delle parole. Un silenzio che sbarra le porte. Che inibisce il respiro. Che toglie le forze e facilita la rassegnazione.

E queste distanze si fanno sentire, eccome! I rumori della vita non sono più gli stessi. Il vociare dei bimbi. Il megafono graffiante dell’arrotino. Il fischiettare del garzone in bicicletta. E tanto altro benessere, così magicamente espresso, lascia il posto all’inquietudine. Alla routine snervante e tossica. Eravamo ottimi cristiani, anche prima di passare dal confessionale. Buoni dentro. Pazienti al punto che, una volta raggiunto un risultato, per gustarsi tutto il suo effetto, potevano trascorrere, giorni, settimane. A volte persino tutta la vita. Il prete riusciva a conquistarsi tutta la famiglia. Assiduo e premuroso com’era. Senza ricorrere ai santini. Alle benedizioni o alle promesse di un percorso immacolato. Sicuro e indolore.

Ci siamo ammalati di indifferenza. Sguardo fisso. Muscoli arresi. Movimenti pochi e calcolati. Un abbraccio? Un inutile spreco di energie. Tutto scorre liquido e prevedibile. Qualche temporale ci scuote, ma poi, non si ha neppure più la voglia di rimpiangere il sole. Dove ci siamo persi? Per quale remota inspiegabile ragione? Una volta scartato il regalo se ne conserva persino l’incarto. Eppure la vita oltre tutto e tutti è uno spettacolo magnifico!

Avevamo ciascuno un biglietto in prima fila, ma per la troppa indecisione siamo rimasti incollati al divano…e ci siamo addormentati. Ma il tempo è sempre rimasto sveglio e ha speso lui, per noi, tutte le emozioni che avremmo avute disponibili. E così, oggi, ad ammalarsi è il nostro futuro. È li che rifiuta di occuparsi di noi. Si è chiuso. È taciturno. E non si affaccia più nei nostri pensieri.

Così le 24 ore, sono loro ad aggiudicarsi i nostri servizi ed attenzioni. Dio però è sempre più Dio. Sempre più ostinato a credere in noi. A perdonarci. Siamo le sue creature anche quando stupriamo, ammazziamo. Rubiamo. Spacciamo. Mentiamo. Perché è così indulgente e caritatevole? È semplice: perché vorrebbe guarirci! Dalla superbia. Dal rancore. Dall’insoddisfazione. Dalla mancanza di rispetto persino verso noi stessi. Guariremo?

Considerando che la maggior parte dei mali, siamo noi stessi a scatenarli. Basterebbe forse cambiare sguardo. Aprire il pugno. Riprendere il dialogo con albe e tramonti. E ridisegnarci un futuro immacolato. Dio mio… quanto sei paziente!!!

Ma poi chissà se effettivamente ce lo meritiamo questo Dio?!?!


Renato Zero Atto di fede

Con questo granitico interrogativo Renato introduce la sua nuova opera, Atto di Fede,  un ambizioso progetto bifronte, libro e doppio cd, in uscita per edizioni Tattica venerdì 8 aprile in tutte le librerie, nei negozi di dischi e nei book store digitali.

Al suo interno ben 19 brani inediti di musica sacra scritti e composti da Renato e arrangiati e orchestrati dal Maestro Adriano Pennino (in coda anche Ave Maria in una versione del
tutto nuova e sorprendente) per altrettanti testi – pensieri e riflessioni degli Apostoli della Comunicazione ovvero:

  • Alessandro Baricco
  • Luca Bottura
  • Pietrangelo Buttafuco
  • Sergio Castellitto
  • Aldo Cazzullo
  • Lella Costa
  • Domenico De Masi
  • Oscar Farinetti
  • Antonio Gnoli
  • Don Antonio Mazzi
  • Clemente J. Mimun
  • Giovanni Soldini
  • Marco Travaglio
  • Mario Tronti
  • Walter Veltroni

E ancora le voci narranti di Oscar Farinetti, Pino Insegno, Giuliana Lojodice, Marco Travaglio, Luca Ward e Renato Zero.
A completare l’opera il nuovo lavoro la straordinaria presenza della Budapest Art Orchestra diretta da Andras Deak, la rinnovata collaborazione con il Coro Internazionale istituito dall’Orchestra Filarmonica della Franciacorta e le imponenti interpretazioni di Giacomo Voli e di Lorenzo Licitra.

L’artwork è curato dal cover artist Paolo De Francesco.

TRACKLIST

  1. Benvenuti
    interpretato da Renato Zero
  2. Bella diversità
    interpretato da Renato Zero
  3. La parola è carità
    interpretato da Renato Zero
  4. Il mondo dei giusti
    interpretato da Giacomo Voli
  5. Gioventù liberata
    interpretato da Renato Zero
  6. L’anima che ti sostiene
    interpretato da Renato Zero
  7. Luce
    interpretato da Renato Zero e Giacomo Voli
  8. Migrazioni
    interpretato da Renato Zero
  9. Assenze
    interpretato da Giacomo Voli
  10. Il miracolo è donna
    interpretato da Renato Zero
  11. La regola eterna
    interpretato da Giacomo Voli
  12. Oltre la vita
    interpretato da Renato Zero
  13. L’abbandono
    interpretato da Renato Zero
  14. Sono lontani gli abbracci
    interpretato da Renato Zero
  15. Padre mio
    interpretato da Lorenzo Licitra e Manuele Murè
  16. Angeli qui
    interpretato da Lorenzo Licitra
  17. Parla con Dio
    interpretato da Renato Zero
  18. L’alba del perdono
    interpretato da Renato Zero
  19. Grazie Signore
    interpretato da Renato Zero e Giacomo Voli
  20. Ave Maria
    interpretato da Renato Zero

IL TOUR

Dopo il successo degli spettacoli live di Zero il folle in tour, Renato Zero tornerà live esibendosi per la prima volta al Circo Massimo di Roma con Zerosettanta, un’imperdibile festa live con i fan per celebrare i suoi 55 anni di carriera.

Il cantautore sarà di scena nella prestigiosa location romana il 23, 24, 25 e 30 settembre 2022.

I biglietti saranno disponibili in prevendita su renatozero.com, vivaticket.it e in tutti i punti vendita Vivaticket dalle ore 11.00 di lunedì 11 aprile.

 

Foto di copertina di Roberto Rocco

 

We would like to thank the author of this article for this remarkable web content

Renato Zero provoca ancora una volta e lancia il suo “Atto di fede”, doppio album e libro. E a settembre quattro live al Circo Massimo

Fuzzy Skunk