Italia’s Got Talent: arrivano i Golden Buzzer di Frank Matano e Lodovica Comello




Italia’s Got Talent: ​arrivano i Golden Buzzer di Frank Matano e Lodovica Comello. Puntata all’insegna dei coriandoli dorati per Italia’s Got Talent che in un crescendo di emozioni ha promosso direttamente in finale ben due concorrenti.

 

Leggi anche > GF Vip: Belli lascia la casa, Delia non lo segue e Soleil non vuole salutarlo. Montano dallo studio: «Cattivo esempio»

 

Non hanno avuto dubbi Frank Matano e Lodovica Comello nell’assegnare il loro personale Golden Buzzer in una puntata speciale che si è aperta sulle note di Life is a Cabaret: Lodovica Comello in versione Liza Minelli ha incantato tutti con un opening magico che celebrava la vitalià e l’entusiasmo dei concorrenti in gara. Lo stesso ardore che hanno mostrato, come sempre, la pluricampionessa Federica Pellegrini, l’irrivente Mara Maionchi e il brillante Elio.

 

Il quinto appuntamento della nuova stagione del talent prodotto da Fremantle, ieri su Sky Uno/+1 e on demand, ha registrato 329mila spettatori medi con uno share di 0,9%. E nei sette giorni ha raggiunto su Sky 1.043.850 spettatori medi, registrando sulla pay una crescita del +8% rispetto alla stagione precedente. 

 

Puntata quasi interamente a tema musicale, quella di ieri, a partire dagli Urban Dancefloor che hanno proposto una coreografia sulle note di “Ricordami” di Tommaso Paradiso: ed è stato lo stesso cantautore romano, interpellato telefonicamente da Frank Matano, ad assegnare il 4 sì alla crew di Verona. Il mood musicale è poi proseguito con il giovanissimo Manuel Mazzi che, a soli 4 anni, si è presentato a Italia’s Got Talent come il massimo conoscitore di Mahmood: gli son bastate infatti pochissime note per riconoscere e scrivere correttamente su una lavagna i brani del cantante vincitore di Sanremo (e ovviamente i sì per lui sono stati 4). Stesso verdetto anche per il numerosissimo Coro Polifonico di Barcellona Pozzo di Gotto che ha interpretato con energia lo struggente brano “La Cura” di Franco Battiato.

 

È stato poi il turno di Anyta, musicista russa e insegnante di pianoforte, amante delle sonorità della lingua italiana, che ha portato sul palco un gioco divertente: a una semplice parola aggiungeva sempre un suffisso greco in modo che questa diventasse sempre più lunga (4 sì per lei). Il trionfo della musica è proseguito poi con Medhat Mamdouh arrivato in Italia per la prima volta dall’Egitto per suonare il suo flauto e allo stesso tempo fare beatboxing davanti ai giudici: la sua performance è stata insolita e Frank, incalzato dal maestro Elio, gli ha assegnato il suo Golden Buzzer, promuovendolo a quinto finalista di Italia’s Got Talent.

 

È stata poi la volta di Luccio Battisti che, con una maschera che ricordava l’omonimo pesce Luccio, si è esibito sul palco sulle note di “Acqua azzurra, acqua chiara”: solo un sì per lui. Con Energia Ludica il mondo delle trottole ha invaso lo studio con i 4 giudici che son finiti poi a sfidarsi in una gara di trottole su una super pista home made: alla fine è stato Elio ad aggiudicarsi la Coppa “trottolosa”. Da Famme, un collettivo di sole donne – 16 in totale – che hanno veicolato con la loro coreografia un messaggio potentissimo sul women empowerment, ovvero come le donne possono unirsi per abbattere le barriere e gli ostacoli della vita, hanno ottenuto 4 convinti sì. Quindi, finale con trionfo per il 27enne Simone Corso, di Cagliari, ballerino di danze urbane, privo dell’udito dall’età di 4 anni, che si è esibito in un numero di danza in cui il suo corpo vibrava al ritmo della musica: la sua performance è stata potente e capace di dimostrare come a Italia’s Got Talent tutto sia possibile. Lodovica non ha avuto dubbi e ha dato a lui il suo primo Golden Buzzer avendo, da quest’anno, il super pulsantone dorato anche nella sua postazione.

 




Ultimo aggiornamento: Giovedì 24 Febbraio 2022, 12:54



© RIPRODUZIONE RISERVATA

We want to say thanks to the author of this write-up for this amazing material

Italia’s Got Talent: arrivano i Golden Buzzer di Frank Matano e Lodovica Comello

Fuzzy Skunk